Lo Scafo al suo Interno

Divisione Interna di uno Scafo

Lo scafo, al suo interno, può essere suddiviso in più parti da una serie di strutture, orizzontali e verticali, che suddividono gli "ambienti" interni alla nave, inoltre, assicurano robustezza e galleggiabilità all'intera imbarcazione.

Gli elementi verticali, detti paratie, possono essere realizzate così da garantire una compartimentazione stagna grazie alla proprietà di isolamento.

Ad ogni paratia viene assegnato un numero, così da poterla meglio identificare, ma la paratia posteriore e quella anteriore vengono indicate con differenti nomi: rispettivamente, paratia di poppa e paratia di collisione.

Per quanto riguarda invece la divisione orizzontale, questa è determinata da elementi detti "ponti".

Il ponte superiore dello scafo può essere chiamato ponte superiore, ponte di coperta o, più semplicemente, coperta (il grido di "tutti sotto coperta" invitava dunque a scendere nel ponte inferiore, maggiormente riparato da pioggia ed intemperie).

Potremo dunque dire che lo scafo, suddiviso da questi elementi, ospita così le famose stive, ossia compartimenti compresi tra una paratia e l'altra atti ad ospitare le cose più diverse, dalle stanze private di marinai e passeggeri, al locale del motore (dove risiede la maggior parte degli impianti di propulsione della nave) fino agli scompartimenti per le merci e così via...